La Finestra Appesa a un Filo

L’ispirazione è come l’amore, o c’è o ci dobbiamo rassegnare a scritture di debole efficacia. Un magico equilibrio che Toni Carli trova nel suo nuovo romanzo dall’invitante titolo ‘La finestra appesa a un filo’, bel ritorno alla scrittura di questo autore non facile, ma che fa della semplicità un modo per raccontare ansie e incertezze di oggi. Dalla morte nasce un sentimento, sembra voler quasi sussurrarci l’autore mentre dipana una vicenda difficile, ombrosa, costruita tra il sospetto e la vendetta, proprio per l’uccisione di una giovane vita, fortemente innocente. Opera di straordinaria maturità, ‘La finestra appesa a un filo’ vive per il connubio fra trama e sentito lirismo, dove la scrittura è alta, talvolta cruda ma sempre dentro a una storia che trattiene il fiato, che è figlia di un mondo antico caduto per disgrazia nel presente. Con il passare del tempo la scrittura di Toni Carli si fa sempre più efficace, una sorta di buca oscura dove si cade facilmente, con storie dentro altre storie, con argomenti scabrosi ma senza mai condannare, nemmeno davanti a un crimine odioso quanto inutile.’

da La Nazione del 9 maggio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *